Scuola, Bussetti: “Svolta sull’edilizia scolastica, tempi più rapidi per assegnare le risorse agli Enti locali. Sblocchiamo subito oltre 1 miliardo”

CEO at S&L srl salute e sicurezza nei luoghi di lavoro
Da oltre 25 anni lavora nell'ambito della formazione, consulenza e gestione della salute e sicurezza negli ambienti di lavoro.
Mario Padroni
Latest posts by Mario Padroni (see all)

Scuola, Bussetti: “Svolta sull’edilizia scolastica, tempi più rapidi per assegnare le risorse agli Enti locali. Sblocchiamo subito oltre 1 miliardo”.  Siglata l’intesa in Conferenza Unificata

Tempi più rapidi per l’assegnazione agli Enti locali delle risorse per la messa in sicurezza delle scuole, con meno decreti e atti ministeriali da produrre. Pagamenti diretti agli Enti beneficiari dei finanziamenti, senza passaggi intermedi. Concentrazione degli stanziamenti destinati all’edilizia sul Fondo per la programmazione triennale degli interventi, con un conseguente ulteriore snellimento delle fasi di assegnazione delle risorse. Aggiornamento in tempo reale e miglioramento dell’Anagrafe dell’edilizia scolastica, con l’obiettivo a breve di pubblicazione in chiaro dei dati, per una maggiore trasparenza e velocità nell’individuazione degli interventi prioritari. Previsione di risorse per la progettazione a sostegno degli Enti locali.

Sono le novità in materia di sicurezza ed edilizia delle scuole contenute nell’Accordo promosso dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti, in collaborazione con la responsabile per gli Affari Regionali, Erika Stefani, siglato oggi in Conferenza Unificata.

“Si tratta di una svolta, di un traguardo importante – sottolinea il Ministro – frutto di una collaborazione fra più Istituzioni che mette al centro la sicurezza dei nostri ragazzi. Dobbiamo essere molto soddisfatti dell’Accordo raggiunto. Ringrazio il Ministro Stefani, i rappresentanti di Regioni ed Enti locali per il lavoro svolto in queste settimane in collaborazione con il MIUR. L’accordo di oggi è un esempio concreto di come si fa sistema. E voglio ribadire che l’edilizia scolastica è una priorità di questo Governo”.

Con l’Accordo siglato oggi “Avremo più trasparenza, efficienza e un miglioramento della governance delle risorse. Dopo anni di procedure lunghe e farraginose, abbiamo definito un sistema semplificato che consentirà di ridurre notevolmente i tempi per l’assegnazione delle risorse e, dunque, per rendere le nostre scuole più sicure. Sbloccheremo subito il primo miliardo per l’antisismica. Nelle prossime ore daremo il via libera alla programmazione triennale 2018/2020. Con l’accordo di oggi, abbiamo definito anche, una volta per tutte, i criteri di riparto a livello regionale delle risorse, con un’attenzione particolare alle zone sismiche: saranno utilizzati ogni volta che ci sono fondi da assegnare, senza dover più predisporre decreti diversi per ciascun finanziamento – prosegue il Ministro -. Stiamo davvero cambiando il sistema: non vogliamo mai più risorse che restano ferme per troppo tempo, lasciando gli Enti locali in attesa e nell’impossibilità di mettere in sicurezza le nostre scuole”.

L’Accordo prevede anche il rilancio dell’Osservatorio nazionale per l’edilizia scolastica del MIUR prevedendo il monitoraggio e il coordinamento degli impegni previsti dall’accordo.

“La scuola – chiude il Ministro – è per i nostri ragazzi una seconda casa. Devono potersi sentire protetti al suo interno. Prendiamo anche un impegno: continueremo a cercare risorse da investire sull’edilizia scolastica, già a partire dalla prossima legge di bilancio. Mantenendo il nostro metodo di lavoro che si basa su una stretta e costante collaborazione con tutti gli attori in campo”. Fonte MIUR

Insegnante: patologie della voce

CEO at S&L srl salute e sicurezza nei luoghi di lavoro
Da oltre 25 anni lavora nell'ambito della formazione, consulenza e gestione della salute e sicurezza negli ambienti di lavoro.
Mario Padroni
Latest posts by Mario Padroni (see all)

Le patologie della voce e l’attività lavorativa come insegnante

Alleghiamo un articolo pubblicato Patronato INCA CGIL, da cui emerge che l’insegnate è tra le prime attività lavorativi in cui si riscontrano patologie della voce. Nella maggior parte dei paesi europei non è riconosciuta come malattie professionali, mentre avviene in Polonia.

Il rischio aumenta se vi è inquinamento acustico e in presenza di scarse caratteristiche sonore dei locali, in ambienti polverosi e secchi con scarsa umidità dell’aria.

Leggi intero articolo

Cooperazione Applicativa MIUR/ INAIL – Comunicazione Rappresentanti Lavoratori per la Sicurezza

CEO at S&L srl salute e sicurezza nei luoghi di lavoro
Da oltre 25 anni lavora nell'ambito della formazione, consulenza e gestione della salute e sicurezza negli ambienti di lavoro.
Mario Padroni
Latest posts by Mario Padroni (see all)

Comunicazione all’INAIL dei dati relativi al Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, attraverso area SIDI.

Al fine di ottemperare ai predetti dettami normativi, di concerto con l’ente assicurativo, sono state realizzate nuove funzioni che consentono la compilazione e l’invio dei dati dei Rappresentanti dei Lavoratori per la sicurezza ad INAL in cooperazione applicativa.

E’ quindi disponibile una nuova area SIDI, denominata Adempimenti INAIL, nella quale sono state raggruppate tutte le funzioni preposte alle comunicazioni verso l’ente assicurativo compresa la Denuncia e la Comunicazione di Infortunio.

In particolare al seguente percorso SIDI-> Adempimenti INAIL-> Comunicazione RLS sarà possibile fruire delle seguenti nuove funzioni:

  • Crea Comunicazione consentirà di inviare ad INAIL i dati anagrafici di uno o più RLS
  • Modifica RLS: consentirà di modificare alcuni dei dati anagrafici di un RLS già comunicato
  • Sostituisci RLS: consentirà di sostituire un RLS già comunicato

Si precisa che su indicazione dell’ente assicurativo non sarà invece possibile cancellare i dati di un RLS già comunicato ma in caso di necessità si potrà procedere con la modifica o con la sostituzione.

Sarà inoltre possibile consultare lo storico delle comunicazioni inviate a INAIL con esito positivo scaricando la relativa ricevuta in formato pdf.

Per l’utilizzo di tali nuove funzionalità è stato creato un nuovo profilo “utente RLS”:  scarica nota del MIUR 1048-18

Photo by Glenn Carstens-Peters on Unsplash

Studente in alternanza scuola-lavoro si amputa la falange dell’anulare

CEO at S&L srl salute e sicurezza nei luoghi di lavoro
Da oltre 25 anni lavora nell'ambito della formazione, consulenza e gestione della salute e sicurezza negli ambienti di lavoro.
Mario Padroni
Latest posts by Mario Padroni (see all)

Alternanza Scuola Lavoro: una buona idea, che deve essere migliorata e che può divenire pericolosa.

Riportiamo un artico apparso su RAI NEWS, per ricordare che occorre chiarire con maggior precisione quali siano i ruoli, i compiti, le responsabilità e le tutele di tutte le figure coinvolte in questo progetto didattico.

Montemurlo Prato, studente in alternanza scuola-lavoro si amputa la falange dell’anulare. Il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, avvia accertamenti

Di Maio: bollettino di guerra, cultura sicurezza parta da Partecipate dello Stato 14 giugno 2018 Incidente in officina per un 17enne. Lo studente, impegnato in un progetto di alternanza scuola-lavoro, si trovava in un’officina meccanica a Montemurlo (Prato) quando si è ferito alla mano sinistra mentre stava lavorando a un macchinario che gli ha amputato la falange dell’anulare.

Bussetti: vicini al ragazzo, avviati controlli Il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti, ha avviato immediati approfondimenti sul caso del ragazzo rimasto ferito. “Esprimo la mia vicinanza allo studente e alla sua famiglia. Quanto accaduto è grave e richiede una verifica puntuale da parte del nostro Ufficio scolastico territoriale, a partire dai contenuti della convenzione stipulata tra scuola e struttura ospitante e dagli obblighi in materia di sicurezza”, dice Bussetti. “Se ci sono stati errori, se quell’accordo non è stato rispettato, occorre intervenire con fermezza. Le attività effettuate dai ragazzi devono svolgersi sempre in condizioni di massima sicurezza. Non possiamo permettere in nessun modo che sia messa a rischio l’incolumità degli studenti partecipanti.

Questo sarà uno dei primi temi che porremo all’attenzione della prossima riunione dell’Osservatorio sull’Alternanza”.   Fiom Cgil: non è un caso isolato In una nota la Fiom Cgil di Prato commenta: “Dopo quello avvenuto circa un mese fa presso un’azienda specializzata in provincia di Udine, quando è stato un giovane studente friulano a ferirsi alla mano durante l’utilizzo di un macchinario, quello di ieri è solo l’ultimo di una serie di infortuni sul lavoro avvenuti durante il percorso di alternanza. Quindi non un caso isolato. Questi gravi episodi testimoniano una mancanza di formazione e una scarsa cultura della prevenzione che caratterizzano non solo i percorsi di Alternanza Scuola Lavoro (ASL), ma più in generale l’intero mondo del lavoro. La sicurezza e la tutela dei lavoratori, nei casi di ASL degli studenti, deve essere messa al primo posto”.

Si applica la normativa sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro nell’alternanza Scuola Lavoro nell’ambito di lavoratori autonomi

CEO at S&L srl salute e sicurezza nei luoghi di lavoro
Da oltre 25 anni lavora nell'ambito della formazione, consulenza e gestione della salute e sicurezza negli ambienti di lavoro.
Mario Padroni
Latest posts by Mario Padroni (see all)

Studenti in Alternanza Scuola Lavoro presso Lavoratori autonomi, si applica il D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii.

La Commissione interpelli in materia di salute e sicurezza del Ministero del Lavoro, con la risposta n. 4 del 22 giugno 2018, ha chiarito che per le modalità di applicazione della normativa per la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro agli studenti in regime di alternanza scuola-lavoro, si deve fare riferimento alla specifica disciplina contenuta nell’art. 5 del decreto interministeriale n. 195 del 3 novembre 2017, in combinato disposto con le previsioni di cui D.Lgs. n. 81/2008.

Infatti, in materia occorre tener presente che il citato D.L. n. 195/2017 – Regolamento recante la Carta dei diritti e dei doveri degli studenti in alternanza scuola-lavoro e le modalità di applicazione della normativa per la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro agli studenti in regime di alternanza scuola-lavoro” – all’articolo 1, comma 2, prevede che : “Il presente regolamento definisce, altresì, le modalità di applicazione agli studenti in regime di alternanza scuola – lavoro delle disposizioni in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro di cui al decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e successive modificazioni” e l’articolo 5 dello stesso detta una particolare regolamentazione della salute e sicurezza nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro.

Scarica interpello n. 4 del 22/06/2018