Green pass a scuola

In data 5 agosto 2021, il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi, del Ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi, del Ministro dell’università e della ricerca Maria Cristina Messa, del Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini e del Ministro della salute Roberto Speranza, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti per l’esercizio in sicurezza delle attività scolastiche, in materia di università e dei trasporti a partire dal 1° settembre 2021.

Obiettivo primario per l’anno scolastico 2021/2022: Riaprire le scuole con la didattica in presenza al 100% a tutti i livelli scolastici.

Questo è l’obiettivo che il Consiglio dei Ministri si è prefissato e per fare questo ha approvato il nuovo decreto circa l’obbligo del Green Pass. 

A partire dal 1° settembre l’obbligo del Green Pass sarà esteso a tutto il  personale scolastico e agli studenti universitari.  

Cosa comporta la mancata esibizione del green pass da parte del personale scolastico? La mancata esibizione del Green Pass, da parte del personale scolastico,  è considerata assenza ingiustificata e, a decorrere dal quinto giorno di assenza, il rapporto di lavoro è sospeso e non sono dovuti la retribuzione né altro compenso.

Per gli studenti cosa è previsto? Per gli studenti non sussiste l’obbligo vaccinale o necessità di green pass. Tutto dipenderà dall’andamento delle vaccinazioni tra i giovanissimi.  Il Commissario straordinario organizzerà e realizzerà un piano di screening della popolazione scolastica.

Chi ha l’obbligo di controllare? Ovviamente nelle scuole il Dirigente Scolastico è responsabile per quanto concerne l’applicazione delle disposizioni di legge. Sarà inoltrata una circolare che definirà le modalità di controllo.

In quali casi sarà possibile ricorrere alla DAD? Regioni e Comuni potranno chiudere gli Istituti e fare lezione in DAD solo come deroga per specifiche aree di territorio, esclusivamente in zona arancione e rossa o per casi eccezionali di focolai o di rischio particolarmente elevato di diffusione del virus SARS-CoV-2 o di sue varianti.

Quali saranno le regole di sicurezza da rispettare?  Le regole di sicurezza minime da rispettare sono quelle diffuse dal CTS, ovvero:

  • E’ fatto obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie, fatta eccezione per i bambini di età inferiore ai sei anni, per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina, per i soggetti impegnati nelle attività sportive. Le linee guida possono derogare all’obbligo di mascherina se alle attività partecipano solo studenti vaccinati o guariti;
  • E’ vietato accedere o permanere nei locali scolastici ai soggetti con sintomatologia respiratoria o temperatura corporea oltre i 37,5°.

Quanto durerà la quarantena per i vaccinati? Per coloro che hanno completato il ciclo vaccinale, in caso di contatto con un positivo Covid, la quarantena durerà sette giorni invece che dieci.  Questi saranno i nuovi termini che dovrebbero essere indicati nella prossima circolare del Ministero della Salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.