Corso di formazione per alimentaristi settore scuola

CEO at S&L srl salute e sicurezza nei luoghi di lavoro
Da oltre 25 anni lavora nell'ambito della formazione, consulenza e gestione della salute e sicurezza negli ambienti di lavoro.
Mario Padroni

Corso di formazione svolto ai sensi della legge n. 11/2003 e la delibera regione Emilia Romagna n. 342/2004

Anteprima in una nuova scheda

S&L srl organizza corsi specifici di formazione, iniziale e aggiornamento, per addetti alla manipolazione, somministrazione e porzionamento di alimenti nelle strutture scolastiche e socio-assistenziali.
É autorizzata dalla regione Emilia Romagna per lo svolgimento dei corsi sia in modalità E-learning (FAD) che in aula.

Autorizzazioni Regione Emilia Romagna
n. 2019/0329844/P – Azienda USL della Romagna – aula
Accreditamento n. 22 del 20/03/2020 – regione Emilia Romagna –  elearning

Con l’abolizione del libretto di idoneità sanitaria, cosa è cambiato?

Con la legge n. 11/2003 e la delibera n. 342/2004 le persone addette alla lavorazione degli alimenti, sia a livello industriale sia a livello artigianale, non hanno più l’obbligo di possedere il “Libretto di idoneità sanitaria”. Il libretto è sostituito da un attestato ottenuto a seguito di un breve ma specifico percorso formativo, finalizzato a rafforzare nell’operatore l’abitudine ad adottare comportamenti corretti dal punto di vista igienico-sanitario. La formazione è differenziata a seconda del rischio collegato alla mansione svolta: non tutte le mansioni lavorative con contatto o manipolazione di alimenti comportano infatti lo stesso rischio per chi li consuma.

Chi è tenuto a seguire gli appositi corsi di formazione e ad avere il relativo attestato?
Tutti coloro che effettuano la manipolazione di alimenti, in base alla delibera . 342/2004 sono classificati in 3 livelli di rischio: 2 (alto), 1 (più basso del livello 2), 0 (nessun rischio).

A livello 1 di rischio abbiamo:

Baristi (ad esclusione  della sola somministrazione di bevande);
Fornai e addetti alla produzione di pizze, piadine e analoghi;
Addetti alla vendita di alimenti sfusi e deperibili esclusi ortofrutticoli;
Addetti alla lavorazione di ortofrutticoli quarta gamma;
Personale addetto alla somministrazione/porzionamento dei pasti nelle strutture scolastiche e socio-assistenziali.

Quanto durano i corsi di formazione, e ogni quanto tempo deve essere fatto l’aggiornamento?

MANSIONI DI LIVELLO RISCHIO 1

A) Corso di formazione per ingresso al lavoro  – durata: 3 ore
Quando effettuarlo: prima di iniziare l’attività lavorativa (o comunque entro 30 giorni) 

B) Corso di aggiornamento per chi ha già l’attestato – durata: 2 ore
Quando effettuarlo: ogni 5 anni 

Somministrazione collettiva a categorie a rischio, no a consumo di alimenti di origine animale senza cottura

CEO at S&L srl salute e sicurezza nei luoghi di lavoro
Da oltre 25 anni lavora nell'ambito della formazione, consulenza e gestione della salute e sicurezza negli ambienti di lavoro.
Mario Padroni

no uova crude

Divieto di somministrazione, nelle strutture ospitanti categorie a rischio, di prodotti alimentari contenenti uova crude ed insaccati freschi a base di carne suina ed avicola non sottoposti, prima del consumo, a trattamento di cottura.

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 24 MAGGIO 2018, N. 66 – Emilia Romagna

Il Presidente della Giunta Regionale, su proposta dell’Assessore alle Politiche per la Salute, ordina:

1. è confermato il divieto fino al 31/5/2019 nelle strutture che ospitano categorie a rischio (bambini di età inferiore ai 3 anni, anziani, immunodepressi) della somministrazione di prodotti alimentari contenenti uova crude e non sottoposti, prima del consumo, a trattamento termico di cottura, fatto salvo l’utilizzo di ovoprodotti ottenuti con trattamenti tecnici tali da garantirne l’assenza di salmonelle;

2. è confermato il divieto fino al 31/5/2019 nelle strutture che ospitano categorie a rischio (bambini di età inferiore ai 3 anni, anziani, immunodepressi) della somministrazione di insaccati freschi pronti per il consumo a base di carne suina e/o avicola, non sottoposti, prima del consumo, a trattamento termico di completa cottura;… Leggi BUR del 25 maggio 2018 n. 145 

Photo by Haley Hamilton on Unsplash